Archivi per la categoria ‘Software’

vi segnalo questo sito: MyColorScreen in cui gli utenti postano le proprie home screen Android indicando anche i launcher ed i widget utilizzati per “costruire” dei piccoli capolavori sul proprio smartphone. Vi consiglio di farci un giro per capire le potenzialità di questo sistema operativo e per avere degli spunti interessanti per personalizzare il proprio telefono.

Oggi ne approfitto e pubblicizzo la mia prima applicazione Android: Ebay Tools che nella sua prima versione consente di calcolare le spese relative alle commissioni sulle aste ebay.
Seppure nella sua semplicità può essere uno strumento utile per chi spesso si trova nel dubbio di non saper bene calcolare il prezzo a cui mettere in vendita un oggetto all’asta per totalizzare un certo guadagno.
Con Ebay Tools è possibile in base al prezzo di vendita finale, che sia asta o compralosubito, calcolare le commissioni da versare ad ebay e le eventuali trattenute anche se la vendita utilizza Paypal come metodo di pagamento.
Inoltre nel calcolo vengono considerate anche le spese di spedizione, sia quelle reali che paghiamo al corriere/poste che quelle che vengono pubblicate nell’asta (a volte si cerca di arrotondare un pochino anche in questa voce). Infine se ad esempio qualche affarista compra per rivendere sfruttando qualche occasione o sottocosto è possibile indicare anche il prezzo di acquisto ed ottenere il guadagno al netto delle spese.

Gratis nel market.

E’ finalmente iniziato il rollout di Jelly Bean per il glorioso Nexus S.
Per chi come al solito non avesse la pazienza di aspettare l’OTA è possibile scaricare la rom direttamente da XDA con già i pacchetti di root e gapps pronti all’uso.
Nexus S si conferma ancora uno smartphone attuale, il fatto che google lo tenga sempre aggiornatissimo lo rende sempre appetibile.
ecco il link di XDA da dove potete scaricare tutto il necessario.

E’ notizia di questi ultimi giorni che il team che sviluppa il miglior mediacenter di sempre: XBMC sia al lavoro sul porting di questo progetto su piattaforma Android.
Abbiamo più volte parlato di XBMC in questo blog quindi non ci dilungheremo sulle caratteristiche di questo software, la riflessione che vogliamo fare è un’altra: grazie alla disponibilità di minipc Android come l’MK802 a prezzi irrisori (addirittura inferiori ai 50€) sarà finalmente possibile avere un’esperienza di intrattenimento multimediale eccellente con una spesa insignificante.
E’ già disponibile una versione beta di cui allego un video dimostrativo:

Incredibile ma vero.
A qualche giorno dall’uscita del nuovo sdk un utente di XDA è riuscito a realizzare una rom già pienamente funzionante di icecream sandwich per il Nexus S. E’ significativo che questa rom è già utilizzabile per un uso giornaliero in quanto, seppure con diversi bug, supporta tutte le componenti principali del telefono. Per installare la nuova rom basta copiare la rom sulla sd e flasharla con clockwordmod allo stesso modo con cui installiamo le altre rom modded.

  • Ecco i bug noti:

3G(for some)

Data

NFC

Panorama Mode

Camera will FC for the 1st time

Ecco il link al thread ufficiale del progetto.

Oggi vi segnalo l’esistenza di questo market “alternativo” per terminali Android, si tratta di un’applicazione simile ad Applanet di cui abbiamo già parlato che consente di scaricare applicazioni (anche a pagamento ma gratis).
Funziona molto meglio di Applanet di cui avevamo già discusso e che non ha mai garantito una certa continuità nel servizio.
Blackmart consente di avere accesso ad una repository di software molto vasta e scaricabile gratuitamente, le applicazioni si dividono fra 2 macrocategorie: Apllications e Games, all’interno di ciascuna macrocategoria ci sono delle sottosezioni che aiutano ad individuare l’ambito di interesse.
Il download è risultato sufficientemente veloce nelle prove che ho fatto sul mio nexus s e la quantità di software presente veramente notevole.
Il link all’apk dell’installazione è questo. Provatelo con la consapevolezza di quello che fate…

Vi lascio con altri 2 riferimenti a risorse online a cui poter accedere per scaricare software “da provare” per Android:

Vi segnalo questa applicazione creata dai ragazzi del gruppo XDA che, sfruttando alcuni exploit di sistema, consente di ottenere i diritti di root (temporanei o permanenti) su moltissimi terminali Android.
La semplicità con cui si conclude questa operazione la rende accessibile a tutti.
Ecco il link della discussione ufficiale.
In sostanza basta lanciare l’applicazione da windows (serve .net framework), collegare il telefono via usb al pc attivando la modalità debug.

Dall’interfaccia di SuperOneClick basta cliccare sul pulsantone “Root”, il software effettua l’autoriconoscimento del tipo di terminale e lancia l’exploit più adatto. Se siete fortunati in qualche secondo avete il telefono rootato.

La procedura è reversibile.

Segnalo, visto che non si trovano molte info in rete, che per sbrandizzare lo smartphone Acer Liquid Mini (provato con brand Tim) è sufficiente scaricare il tool di update ufficale Acer dalla sezione download del sito. Si tratta di un’applicazione eseguibile da Windows, basta connettere il cellulare in modalità debug Modem (accendere il telefono premendo power+volume up+volume down) al pc, aspettare il riconoscimento dei driver, e lanciare l’aggiornamento. Verrà aggiornato il sistema (nel momento in cui scrivo è disponibile l’ultimo aggiornamento 2.001.01.EMEA.GEN1 del 12/7) con la versione no brand.
Il telefono ripulito dalla brandizzazione Tim risulta più reattivo e rimane disponibile più Rom per l’installazione di applicazioni.

Consiglio a tutti questa nuova app per misurare i muscoli del proprio Android. Antutu è un nuovo strumento molto completo di benchmarking che supporta anche i nuovi processori dual core. Il set di benchmark che mette a disposizione sono molto completi (ricalcano in pratica quelli che offre Quadrant) vanno dalla cpu, alla grafica 2d/3d, all’I/O.
L’interfaccia è molto lineare e si basa su 4 Tab: “Scores” dove appare l’utlimo benchmark lanciato sul nostro device, “Test” in cui possiamo personalizzare ed avviare il bench, “Ranking” che è la classifica disponibile in rete dei dispositivi più prestanti ed in cui vediamo posizionarsi anche il nostro, “Information” riporta infine le caratteristiche hardware del nostro device.
La parte più bella di questo applicativo è senza dubbio la condivisione in rete dei risultati, possiamo vedere la comparazione in stile Quadrant, ma è anche possibile vedere i singoli risultati degli altri utenti e le caratteristiche di configurazione dei loro device (ad es. overclock, versione firmware, ecc.), è addirittura possibile effettuare il filtro sul tipo di disositivo.
Vi consiglio di provarlo, si trova gratis nel market.

image

È disponibile da ieri, anche se non ufficialmente, la nuova versione del market android.
Notevolmente migliorato nell’aspetto grafico ed anche nella categorizzazione del materiale presente. Viene introdotta anche la possibilità di effettuare lo slide laterale per cambiare schermata, possibilità di differenziare applicazioni in primo piano, più redditizie, novità, gratuite e a pagamento. Anche la scheda descrittiva delle app si arricchisce e spesso presenta anche il video dimostrativo.
Se lo volete provare ecco il link

Con scandaloso ritardo finalmente Sky mette una toppa alla mancanza e rende disponibile finalmente anche per la piattaforma Android l’applicazione che rende possibile consultare la programmazione tv, degli eventi in primafila (si possono acquistare dallo smartphone), mettere in registrazione i programmi sul proprio MySky da remoto e visualizzare anche brevi filmati di presentazione delle novità in onda.

Sky Guida TV è disponibile in anteprima solo su Samsung Apps per il momento, si tratta del market proprietario degli smartphone Android Samsung, ma l’apk si trova già facilmente in rete.

Segnaliamo che è finalmente disponibile l’aggiornamento ufficiale LG per lo smartphone Optimus One che porta la versione di Android alla 2.3.3. In realtà il firmware, seppure ufficiale LG, non è ancora distribuito secondo i canoni della casa madre ma comunque è stato pubblicato in rete ed è ormai disponibile a chi abbia voglia di aggiornare con una procedura manuale.
Ottima notizia per tutti gli utenti di questo ottimo smartphone che potranno godere di diversi miglioramenti, primo fra tutti una maggiore reattività del sistema e la correzione di diversi bug.
Per chi non vuole aspettare oltre ecco il firmware 2.3.3 ed il programma LG per effetture l’aggiornamento. Infine i driver per windows.
Inoltre consiglio di seguire questo thread di AndroidWorld in cui ci sono diverse info per l’aggiornamento ed anche una rom con già root ed altre funzioni preattivate.

Grazie alla gentile concessione di Spb Software di una licenza gratuita per la prova sul mio blog ho avuto la possibilità in questi ultimi giorni di provare un pò più a fondo questo nuovo launcher per Android: Spb Shell 3D.
Come avevamo anticipato si tratta di un prodotto per molti versi innovativo in quanto introduce delle novità importanti in un settore, quello dei launcher, in cui un pò tutti si assomigliano e comunque rispettano una certa somiglianza di comportamento con il launcher stock di Android.
Spb Shell 3D ha come scopo quello di fornire un’interfaccia grafica 3D in cui l’effetto grafico accattivante vada di pari passo con una migliore usabilità.
Molto bello l’effetto “carosello” 3D che consente di switchare fra le pagine in home page, altrettanto comoda la modalità di aggiungere nuovi pannelli al carosello oppure di “parcheggiare” quelli inutilizzati sulla propria scrivania di lavoro virtuale.

Un’altra novità importante sono gli Smart Folder, delle cartelle che possono essere posizionate sulle home page la cui forma può essere cambiata anche in tempo reale: possiamo scegliere la vista compatta (che occupa una sola posizione nella griglia 4×4 della pagina) oppure una vista estesa (4×1) ed ancora più ampia (4×2). La cosa simpatica è che il ridimensionamento di un oggetto com’è lo Smart Folder ridispone tutte le icone sul pannello (quelle che gli stanno alla dx o sotto) spostandole ad occupare lo spazio disponibile.

Questa filosofia di disposizione automatica delle icone è anche forse la cosa che meno mi piace di questo launcher: se ad esempio in un pannello vuoto voglio posizionare una nuova icona o widget in un punto a piacere non sono libero di farlo: gli oggetti vengono posizionati sempre in alto a sx. Al massimo riempiendo progressivamente il pannello con vari oggetti ne posso invertire la posizione semplicemente col trascinamento.
Un altro aspetto molto carino sono i widget 3D, si tratta di widget non standard android ma espressamente realizzati da Spb Software per il proprio Shell 3D, questi widget hanno funzionalità classiche quali meteo, orologio, fuso orario, sms, ecc. Questi widget sono veramente carini, da far vedere agli amici per strappare l’effetto “wow”.

Spb Shell 3D per girare richiede di avere un hardware adeguato a bordo, soprattutto una buona GPU. Il requisito minimo per farlo girare è il supporto OpenGL ES 2.0 ed Android 2.1, allo stato attuale impegna parecchia Ram, nella mia configurazione siamo intorno ai 90MB con 5 pannelli e qualche widget 3D, sono veramente tanti rispetto ad altri launcher.. però sul Nexus S gira molto fluido, lo sto usando ormai da qualche giorno ed inizio a trovarmici bene.
Il prezzo è un pochino sopra la media per i prodotti Android: 10,49€

E’ finalmente uscita la versione definitiva del famoso launcher Spb Shell 3d per piattaforma Android. Spb Shell è stato da sempre un’ottima alternativa al launcher di serie per i sistemi Windows Mobile e Symbian, tanto è vero che sul Nokia 5800 di mia moglie ancora gira come applicazione di sistema e conferisce delle funzionalità all’interfaccia davvero evolute. La curiosità di vedere l’incarnazione per Android era tanta visto che su un sistema già così evoluto e con tanti launcher alternativi nel market questo Shell 3D per battere la concorrenza doveva essere veramente un’applicazione innovativa. Diciamo che dalla breve prova che ho fatto il risultato viene ottenuto: Shell 3D è veramente qualcosa di nuovo nella contesa dei launcher Android: introduce innanzitutto un’interfaccia grafica con anteprime 3D delle home page veramente fantastica da vedere, widget animati, una notevole fluidità (sul mio Nexus S), permette l’inserimento di tutta una serie di “raccoglitori” di icone nelle home page virtuali, che si possono espandere o compattare a piacimento.
Vi lascio al video ufficiale:

In questi giorni circola un pò dappertutto un video che mostra la comparazione diretta fra Nokia N8 e Nexus S mentre eseguono il gioco Need for Speed in parallelo. La maggior parte dei Blog che riportano il video e i commenti dei lettori tessono le lodi del Nokia N8 e della sua capacità, seppure con hardware inferiore, a riprodurre la stessa grafica, fluidità e gameplay di Nexus S e criticano un pochino quest’ultimo per il fatto che a volte tanta potenza non viene sfruttata. Premesso che Nokia N8 è un ottimo telefono ed il gioco in esame offre effettivamente un’ottima esperienza di guida volevo ricordare a tutti voi lettori, che frettolosamente avete dispensato le vostre sentenze, che Nexus S ha uno schermo a risoluzione praticamente doppia rispetto a quello di Nokia N8 e di conseguenza ha un carico elaborativo notevolmente superiore della GPU, ogni comparazione diretta quindi deve prendere in considerazione questo vitale elemento. Nexus è sicuramente superiore non solo sulla carta ma anche nella realtà dei fatti.

Eccoci di nuovo a parlare di Froyo per il nostro Galaxy S. Finalmente da ieri, e questa deve essere la volta definitiva, è disponibile l’aggiornamento ufficiale a Froyo per il nostro amato smartphone, la procedura di aggiornamento avviene attraverso il software ufficiale di Samsung: Kies.
La versione del firmware è la JP5 (con product code ITV), la ROM non introduce grosse novità rispetto alle versioni beta già disponibili da tempo su samfirmware
L’ho personalmente installata tramite Odin (software non ufficiale di aggiornamento firmware).
Ecco l’annuncio fatto su facebook da Samsung stessa nella giornata di ieri:
“Samsung UK The roll out of Android 2.2 Froyo for Galaxy S has begun today, as some of you will have already seen. As previously stated the roll out will be completed in the UK by the end of November. To get your handset ready for the upgrade please download the latest version of Kies from the support section on Samsung.com/uk, where you can also find a video in the ‘How-To-Guides’ on how to download Kies and install Android 2.2 Froyo. http://bit.ly/cfjJDa” .
Questa versione di Froyo che sto provando ad una prima sensazione sembra buona, anche se non si nota un incremento così netto di performance rispetto ad Eclair. La reattività del sistema è come al solito ottima, per adesso pur non avendo montato nessun lagfix non ho notato impuntamenti all’apertura delle applicazioni anche se il filesystem rfs che Samsung ha scelto per la memoria interna di questo telefono è rimasto tale anche in questa versione del sistema operativo (i più ottimisti speravano che Samsung utilizzasse un filesystem più performante prendendo spunto dalle tante soluzioni di lagfix che sono state realizzate dalla comunità si smanettoni).
Le novità più importanti di Froyo sono senz’altro il rinnovato compilatore JIT (anche se sembra che il kernel di Samsung non lo abbia implementato pienamente) che promette prestazioni migliorate da 3 a 5 volte, in realtà tale aumento non è apprezzabile nel normale utilizzo del telefono (era invece molto evidente nel passaggio a Froyo fatto sul Motorola Milestone), forse perchè Galaxy già con lo stock Eclair aveva un’ottima fluidità. Tuttavia per gli amanti del benchmark diciamo che Linpack (un test puro di calcolo del processore) è passato da 8,2 a 14,0 (quindi quasi un raddoppio), mentre Quadrant è passato da 890 a 950, quest’ultimo benchmark è un test a 360° delle capacità del telefono ed oltre alla pura cpu testa anche l’I/O, le prestazioni grafiche, ecc.
Il flash è ora supportato dal browser web, funziona bene ma rallenta in modo consistente la navigazione, quindi se non strettamente necessario è consigliabile disattivare il plugin.
Mi è piaciuta molto la possibilità in fase di editing del testo di poter finalmente riposizionare il cursore su un determinato punto del testo in modo preciso grazie ad un indicatore trascinabile col dito (una soluzione simile alla lente di iphone per capirci). Nei prossimi giorni aggiornerò il post con qualche impressione aggiuntiva.
Anche i kernel modificati per le versioni beta di Froyo (ad esempio speedmod) sono comptibili anche con la JP5.
L’aggiornamento “ufficiale” avviene attraverso il software Kies di Samsung, comunque se avete già installato altre rom in precedenza od avete product code diversi che creano problemi potete tranquillamente flashare la Froyo JP5 italiano con il software Odin:
Se volete scaricare i 3 file del firmware + il software Odin più il driver usb necessario ad Odin per riconoscere il cellulare potete scaricarla dal mio hosting: JP5