Posts Tagged ‘network’

Synology DS 209Ciao a tutti, anche oggi parliamo di NAS per reti domestiche.
Recentemente mi sono stancato delle soluzioni NAS che avevo adottato fino ad oggi, sono state delle scelte orientate al risparmio economico che però alla lunga non si sono rivelate soluzioni affidabili al 100%. Ricordo come scritto in post precedenti che per dotare la mia rete di uno storage condiviso avevo dapprima sfruttato la duttilità dei router Alice w-gate 2 plus wifi Pirelli e del più performante router fonera 2.0n,a cui si può collegare un disco usb esterno, e successivamente avevo acquistato una NAS Pluscom Lan Storage con un bay per dischi SATA.
Da qualche settimana sono passato ad un prodotto più professionale si tratta di una NAS dual bay Synology DS209.
Synology insieme a QNAP è leader del mercato di dispositivi NAS per piccole medie aziende ed utenti evoluti.
Questo dispositivo di storage si presenta con delle caratteristiche nettamente al di sopra della media in quanto monta un processore da 1,2GHz, 256 MB di RAM, supporta due dischi SATA per un max di 2TB+2TB=4TB, rete Gigabit e 3 porte usb per il collegamento a dispositivi esterni di storage ma anche stampanti di rete webcam, ecc. Comodissima la funzionalità di USBCopy che permette di collegare un dispositivo di storage usb al connettore frontale e con la sola pressione del pulsante frontale consente la copia istantanea del contenuto della pendrive o del disco collegato su una cartella predefinita della NAS.
Il design è piacevole e si distingue per la tonalità bianco laccato.
L’interfaccia di amministrazione DSM3.0 è un’applicazione web fatta veramente bene, tutta in tecnoloagia ajax, non sembra di avere a che fare con una pagina web ma si ha l’impressione di essere di fronte ad un desktop virtuale dove possiamo utilizzare il pannello di controllo ma anche tutte le applicazioni di cui dispone il prodotto, anche in multitasking. Citiamo il performance monitor il player audio, il filemanager, i client p2p, la download station, ecc. Per una panoramica dettagliata di tutte le funzionalità di DSM 3.0 seguite il link. Se invece volete provare direttamente l’applicazione esiste anche una live demo che Synology mette a disposizione di tutti.
Il DS209 offre la possibilità di condividere lo storage con i protocolli di rete più diffusi per ogni piattaforma (win,linux,mac): smb/cifs,nfs,ftp,afp, recentemente è stato implementato anche il protocollo webdav che a me piace particolarmente in quanto consente di mappare le cartelle condivise sulla NAS attraverso la rete internet via http anche su Pc remoti. Ad esempio dal pc in ufficio ho collegato delle cartelle della NAS di casa come fossero delle risorse windows locali, comodissimo!
I più affezionati al p2p possono godere della presenza di un client bittorrent, questo componente è abbastanza comune anche in prodotti entry level, sul Synology però troviamo anche un ottimo client emule. Sono rimasto piacevolmente colpito dalle funzionalità di quest’ultimo: sembra di avere a che fare con un client per Pc vero e proprio, si possono fare tutte le cose che facciamo col client ufficiale compreso il collegamento su reti Kad e Donkey a scelta, offuscamento di protocollo, cambio delle porte di ascolto, ecc. dispone anche di motore di ricerca integrato e permette di agire sui settings in modo molto preciso. Non ho avuto nessuna difficoltà anche mettendo in scaricamento molti files contemporaneamente.
Altra funzionalità molto importante è la possibilità di utilizzare questo dispositivo come application server, essendo di fatto un pc linux è possibile installare dei pacchetti software a piacimento, esistono dei pacchetti preconfigurati che permettono di utilizzare la NAS come webserver, come CMS (ad es. girano tranquillamente wordpress o joomla), possono anche essere installati sistemi DBMS, strumenti di e-commerce ecc. Una panoramica delle applicazioni installabili la trovate qui.

Cito infine un’ultima applicazione integrata: PhotoStation, consente di generare un album fotografico dandogli in pasto la cartella delle vostre fotografie.
in pratica Photostation crea una webgallery partendo dalle vostre immagini, ne crea i thumbnails ed addirittura ricodifica eventuali filmati presenti in un formato fruibile comdamente via web. Ci possiamo quindi collegare alla nostra NAS via internet all’indirizzo http://hostname/photo e sarà visibile la galleria così creata. Io che avevo una 30ina di GB di fotografie ho dovuto attendere qualche giorno prima che la galleria venisse creata completamente, la fase di indicizzazione è infatti molto impegnativa e lavora in background sfruttando il tempo idle della cpu.
Performance:
Il DS209 si dimostra un prodotto molto performante, purtroppo la mia rete locale non è ancora gigabit ma fastethernet a 100 Mbit/s, in queste condizioni si raggiungono sempre le velocità massime teoriche nello scambio file, quindi intorno agli 11 MByte/s, ciò rende la NAS utilizzabile per la maggior parte delle necessità domestiche. Ricordiamo che per fruire di contenuti video fullhd è sufficiente una banda di 20-30 Mbit/s (quindi intorno ai 2,5MB/s).
Nonostante ciò voglio passare al più presto su rete Gigabit sostituendo il mio router, ciò consentirà di sfruttare al massimo la NAS che è in grado di raggiungere tranquillamente valori di banda media intorno ai 40 MByte/sec. con picchi di 60MB/sec. Per una dettagliata analisi delle performance vi rimando a SmallNetBuilder che è indubbiamente una fonte autoritaria in questo campo.
Seguirà un articolo in cui parlerò più specificatamente dell’integrazione delle NAS Synology con terminali Android ed Iphone, altro aspetto in cui Synology eccelle.

Per risolvere un problemino di cablaggio in casa (ho la necessità di portare un cavo di rete dal primo piano al piano terra di casa per dare connettività al mediacenter in salotto) ho deciso di acquistare una soluzione powerline. Seppure il wifi copre l’intera abitazione le performance non sono adeguate per consentire lo streaming di film in alta definizione fullhd (servono 20 Mbit/sec costanti, con wifi ottengo al max 12 Mbit). Le soluzioni powerline consentono di creare dei collegamenti di rete attraverso la modulazione della tensione su rete elettrica, quindi ogni presa elettrica è un potenziale punto di rete. Il kit in oggetto prevede 2 elementi: un XAV101, plug semplice da inserire nella presa elettrica con un ingresso rj45 e un XAV1004 plug che offre ben 4 porte rj45 (con funzionalità di switch con QOS). Ho scelto questa soluzione per il fatto che fa sempre comodo avere uno switch dalle parti della tv, basti pensare al proliferare di dispositivi con connessione ad internet: oltre al mediacenter citiamo le internet tv oppure le console per videogiochi ecc. La comodità di queste soluzioni è che sono realmene plug and play, una volta inseriti i due terminali su due prese elettriche e collegati con un cavo ethernet sono già funzionanti senza bisogno di alcuna configurazione (il software in dotazione serve solo per cambiare il codice di criptazione della comunicazione utile solo se si condivide con altri il circuito elettrico, non serve nella maggior parte dei casi). Ho scelto la tecnologia 200Mbit (esistono anche soluzioni più economiche a 85Mbit), volendo ottenere buone velocità. Purtroppo i test reali evidenziano velocità reali ben più basse, il max del transfer rate l’ho ottenuto collegando entrambi i terminali alla stessa presa elettrica (su una ciabatta non filtrata), si sono ottenuti 60 Mbit/sec, su due prese elettriche distinte nella stessa stanza si raggiungono 35 Mbit/sec mentre dal primo al secondo piano si scende a soli 15 Mbit/sec. E’ sempre consigliabile per non accoppiare disturbi inutili sul collegamento inserire i plug direttamente alla presa elettrica evitando triple e ciabatte. La connessione evidenzia latenze molto basse rispetto ad es. ad una connessione wifi e tipiche di un collegamento cablato, purtroppo il transfer rate non è però sempre adeguato alle esigenze, diciamo comunque che nella maggior parte dei casi è sufficiente, ad es. per condividere la connessione internet e magari anche per lo streaming video se il percorso elettrico è breve e non interrotto da troppe derivazioni.



 

E’ arrivato proprio ieri il Fonera 2.0n, si tratta di un router/access point della omonima spagnola Fonera. E’ l’ultimo nato di una serie di prodotti dedicati al servizio offerto da questa società che prevede un accesso WIFI gratuito presso più di 700.000 FON Spot nel mondo. Gli hot spot sono creati dagli utenti stessi che si registrano e desiderano contribuire a questo progetto condividendo la propria connettività internet. Io ho acquistato il router non tanto per contribuire a questo progetto ma piuttosto per sfruttare questo prodotto per le sue qualità e caratteristiche di tutto rispetto: Fonera 2.0N è infatti un access point 802.11N con processore Ralink a 300Mhz e 64 MB di RAM (non male rispetto alla concorrenza), offre 4 porte ethernet, 1 porta wan per connetterlo ad un eventuale modem adsl, offre pieno supporto alle periferiche usb quali stampanti, dispositivi di storage (NAS), e Internet Key. Io l’ho acquistata soprattutto per quest’ultima caratteristica: è infatti possibile condividere la connessione ad internet di una chiavetta dati UMTS (per chi come me non è coperto da adsl) in modalità wireless wifi sfruttando l’access point anche come router. La prova su strada della fonera 2.0N è andata bene, la chiavettta Huawei E156G è stata riconosciuta e utilizzata per la connettività con TIM. I client della mia rete domestica sono subito stati in grado di beneficiare della condivisione Internet (portatile via wifi, fisso via ethernet e cellulare via wifi). Ho effettuato dei test con www.speetest.net con la fonera e senza (collegando la internet key al pc direttamente via usb al pc) e la velocità rilevata è rimasta costante. La seconda cosa importante a cui tenevo era la funzionalità NAS, speravo di ottenere delle performance migliori rispetto a quanto mi offriva fino a ieri il mio vecchio router (Pirelli Alice AGA opportunamente modificato). Diciamo che sono abbastanza soddisfatto, ecco alcuni numeri:

collegando una pendrive fat32 da 4GB all’usb del fonera si ottengono questi transfer rate:

da un pc collegato via ethernet: 4,5MB/sec in lettura e 3,6MB/sec in scrittura (prestazioni quasi identiche le ottengo con un disco esterno usb su una partizione da 600GB ext2 linux, su una partizione NTFS da 300GB sullo stesso disco i tempi raddoppiano invece).

da un pc collegato via wifi: 2,3MB/sec in lettura e 1,6MB/sec in scrittura.

Le prestazioni wifi cambiano molto al cambiare del canale di trasmissione, i migliori risultati li ho ottenuti sui canali bassi (1 e 2) su quelli più alti, come l’11, la velocità dimezza… non ci sono interferenze nella mia abitazione, tra l’altro anche in ufficio ottengo gli stessi risultati.
Il software di fonera 2.0n permette anche download torrent a pc spento, upload youtube e filckr, ed altri servizi che personalmente non uso. Il bello di questo prodotto è che il software è un derivato del progetto open-wrt opportunamente personalizzato, seppure ancora immaturo ha molto potenziale. E’ in fase di adattamento anche DD-WRT, altro derivato di Open-WRT molto diffuso, quindi le prospettive future sono molto promettenti. Vi aggiorno presto sulle prossime prove che farò.

Segnalo questo dispositivo di casa Asus in quanto ho scoperto (in ritardo) che si tratta di un access point veramente flessibile e degno di nota. A differenza di altri dispositivi dello stesso tipo questo WL-500GP offre una serie di servizi veramente invidiabile. Tanto per cominciare diciamo che il firmware di questo router si basa su un kernel Linux arricchito con i serivizi necessari al pieno supporto del networking e completato da un

E’ ormai al via anche l’offerta commerciale WIMAX di Aria. L’operatore ha promesso di installare entro giugno 2009 1200 stazioni radio che copriranno i primi 100 comuni in digital-divide del nostro territorio. Speriamo sia una cavalcata decisa e veloce per colmare il gap della banda larga nel nostro territorio. Interessante sarà capire effettivamente quanto questo operatore vorrà focalizzare la sua attenzione alle aree in digital-divide piuttosto di cablare i centri urbani. Il piano prevede inoltrel’installazione in 5 anni di 4.500 stazioni WiMAX distribuite su tutto il territorio nazionale che dovrebbero coprire la quasi totalità del territorio tuttora privo di banda larga. Certo 5 anni sono molti… soprattutto di riflesso al susseguirsi di nuove tecnologie che vengono proposte e soppiantano quelle esistenti. Chiamando il call center oggi le operatrici dicono che per il momento è certa solo la partenza nella regione Umbria mentre il resto del piano di installazioni non è ancora noto.

Segnalo un post interessante pubblicato su
Geekissimo
, che spiega come poter sfruttare da più Pc in rete lo stesso masterizzatore. Tale soluzione prevede la possibilità di condividere il masterizzatore e "virtualizzarlo" sui Pc client della rete che possono tranquillamente utilizzarlo come se fosse in locale e con il software preferito (Nero Burning ad es.)

A tutti coloro che hanno voglia di farsi un buon modem router wi-fi senza spendere molto da abbinare alla linea adsl consiglio l’acquisto su ebay a prezzi veramente bassi di uno dei prodotti alice: i migliori sono sicuramente alice w-gate e alice gate 2 plus. Questi modem-router sono ottimi prodotti, l’unico problema è il firmware telecom che montano… quest’ultimo ne riduce di molto le potenzialità, ecco allora grazie ai firmware di Beghiero è possibile trasformarli in dispositivi molto versatili. Date un’occhiata anche al forum ilpuntotecnicoadsl ed al sito di Submax
Alice W-Gate ottimo modem router wi-fi