In questo periodo mi sono tolto lo sfizio di provare qualche tablet. Dopo aver acquistato Un Ipad prima serie ed un Galaxy Tab ho

provato ad acquistare anche un prodotto di Viewsonic che ha riscosso discreto successo negli stati uniti: Il GTablet.
Si tratta di un tablet Android 2.2 con processore dual core tegra2 con 512MB di Ram e un display da 10,1″. Il prezzo in USA è molto vantaggioso rispetto alla dotazione hardware: 299$. Sono riuscito a portarlo in Italia tutto compreso a 265€. Per chi conosce Olivetti Olipad di TIM vi dico che è lo stesso identico prodotto (solo che Olipad ha 1GB di RAM e il supporto 3G).
Appena aperta la confezione troviamo oltre al tablet il caricabatterie ed un panno per pulire il display, niente di più. Alla prima accensione mi sono subito accorto del grosso punto debole di questo dispositivo: il display LCD è inguardabile, appena si inclina leggeremente si perde immediatamente di visibilità,

considerando che è frequente per un tablet essere appoggiato sul tavolo per poter scrivere sulla tastiera estesa a due mani in questa posizione il display è già fortemente penalizzato in quanto inclinato rispetto allo sguardo, è quasi obbligatorio dotarsi di un supporto da tavolo che gli garantisca una certa inclinazione.
Peccato perchè il tablet è assolutamente convicente, seppure dotato di Android 2.2 una volta tolto di mezzo il launcher di serie ed impostato quello standard di Froyo tutto diventa fluido e  stabile. Le applicazioni rispondono in modo reattivo senza alcun impuntamento. Il browser web supporta flash player ed offre un’esperienza di navigazione convincente. Parlando di benchmark  GTablet totalizza un bel 34 punti su Linpack e 2100 punti su Quadrant che sono valori di tutto rispetto anche se paragonati con altri dual core. Da segnalare anche la non comune presenza di una porta USB standard a cui possiamo collegare una pendrive od altri dispositivi come tastiere ed anche mouse (sulle rom che lo supportano).
Uno dei punti di forza di GTablet sono le molte rom alternative che si trovano in rete (soprattutto nel forum XDA). Ho quindi provato ad installare la Ginger Vegantab ed i miglioramenti rispetto a quella standard si sono subito evidenziati: in primo luogo è stato possibile impostare la lingua su italiano (la rom standard aveva solo inglese e spagnolo), il sistema operativo è stato portato alla versione 2.3 Gingerbread e la fluidità del sistema risulta ancora superiore. Punto debole delle rom modded è la mancanza del supporto dell’accelerazione grafica della gpu nella riproduzione dei filmati. Ne consegue che i video 1080p tentennano pur su tegra2.
In sintesi dico che mi sarei tenuto volentieri questo tablet.. peccato per questo display assolutamente penalizzante che lo mette completamente fuori mercato a mio parere.

Leave a Reply