Archivi per la categoria ‘Internet’

Oggi vi segnalo l’esistenza di questo market “alternativo” per terminali Android, si tratta di un’applicazione simile ad Applanet di cui abbiamo già parlato che consente di scaricare applicazioni (anche a pagamento ma gratis).
Funziona molto meglio di Applanet di cui avevamo già discusso e che non ha mai garantito una certa continuità nel servizio.
Blackmart consente di avere accesso ad una repository di software molto vasta e scaricabile gratuitamente, le applicazioni si dividono fra 2 macrocategorie: Apllications e Games, all’interno di ciascuna macrocategoria ci sono delle sottosezioni che aiutano ad individuare l’ambito di interesse.
Il download è risultato sufficientemente veloce nelle prove che ho fatto sul mio nexus s e la quantità di software presente veramente notevole.
Il link all’apk dell’installazione è questo. Provatelo con la consapevolezza di quello che fate…

Vi lascio con altri 2 riferimenti a risorse online a cui poter accedere per scaricare software “da provare” per Android:

Segnalo per gl amanti dei Giochi di Ruolo, Giochi di Carte Collezionabili, Miniature, Giochi da Tavolo questo ottimo shop on line: Il folletto del Mare che cura questo settore in modo specifico.
Da visitare:

Ieri all’evento Google I/O è stato presentato in anteprima da Samsung l’edizione limited edition del suo nuovo tablet Galaxy Tab 10.1 honeycomb in versione bianca (se volete ve ne potete aggiudicare qualche esemplare su ebay pagando una cifra di 1500€ circa).
Questo tablet spicca per la sua estetica molto accattivante, in particolar modo ridefinisce gli standard attuali nello spessore: soli 8,6mm, meglio di Ipad2. Molto interessante anche il modello da 8,9″ più compatto che però preserva le stesse caratteristiche del fratello maggiore.
Ricordiamo che il Galaxy Tab 10.1 è già uscito nella sua prima versione da qualche mese (tra l’altro in Italia è apparso in questi giorni attraverso l’esclusiva di Vodafone), questa prima incarnazione è stata ora ribatezzata Galaxy Tab 10.1v per distinguerla dal modello ultraslim di cui stiamo parlando.
Da giugno il tablet sarà venduto in Italia senza esclusive per gli operatori (lo venderanno tutti).
Non sono ancora noti i prezzi ma in USA viene venduto ad un prezzo molto concorrenziale per la tipologia di prodotto: 499 e 599$ (16 e 32GB rispettivamente), mentre si parla di una versione solo wifi da 399$.
Aspettiamo con ansia.. intanto vi lascio con uno dei primi hands on della limited edition bianca:

Huawei ha incominciato a distribuire l’aggiornamento ad Android 2.2.1 per il suo vendutissimo Huawei Ideos.
Le novità principali di questo aggiornamento sono senz’altro l’introduzione del compilatore JIT che dovrebbe senz’altro rendere più performante questo smartphone ed inoltre il supporto per il display al multitouch.
Per il multitouch sembra che il nuovo firmware supporti 2 tocchi contemporanei (sufficenti per le funzionalità di pinch to zoom) ma solo su quei terminali che montano un display Synaptic e non quelli Melfas. Dalle prime verifiche fatte sembra che i Vodafone siano Synaptic mentre i Wind Melfas. Comunque per verificare personalmente basta digitare: *#*#2846579#*#* (project menu – veener information query – ApparatusTypeQuery).
Fa piacere scoprire che Huawei abbia applicato una politica di supporto all’altezza del mercato.

A breve vedremo nei negozi anche questo nuovo gioilello di SonyEricsson, si tratta di un terminale Android 2.3 con un design accattivante e caratteristiche molto interessanti: Xperia Arc.
Innanzi tutto diciamo che questo smartphone non monta un processore dual core (oggigiorno va di moda) ma restituisce comunque una serie di caratteristiche di tutto rispetto che elenchiamo:
– Processore Qualcomm Snapdragon da 1 GHz
– RAM 512 MB
– display LCD con retroilluminazione LED da 4,2″ con risoluzione 854×480 pixel
– fotocamera da 8 megapixel, sistema di autofocus e lenti Exmor R
– riprende video in 720p@30fps
– uscita HDMI con mirroring video e possibilità di essere controllato dal telecomando della tv
– espandibile con microsd
Tra i suoi punti di forza questo Xperia Arc mette senz’altro il design molto accattivante con la scocca posteriore arcuata ed il profilo molto sottile. Inoltre pure avendo un display enorme da 4,2″ le dimensioni generali rimangono sufficentemente compatte anche grazie al profilo ridotto della cornice.
E’ il primo telefono Android (dopo il Nexus S) a montare nativamente Gingerbread e la fluidità del sistema dimostra ottime doti come si può vedere nel video a cura di Telefonino.net. Un’altra novità è il mobile Bravia Engine che è una sorta di filtro video che migliora in modo sensibile la resa di video e foto. La cosa che forse mi ha più colpito però è la funzionalità di collegamento con la tv, oltre ad avere l’uscita hdmi con funzionalità di mirroring come altri telefoni usciti recentemente in più offre una funzionalità di telecontrollo della galleria direttamente con il telecomando della TV (Sony dice funzionare con tutte le tv… non solo quelle della stessa casa). Ecco i video:


LG lancerà a breve in Italia quello che quasi sicuramente sarà il primo smartphone Android dual core in commercio. Ne abbiamo già parlato in post precedenti (interessante soprattutto la comparazione con il Galaxy S) e questo modello di LG dovrebbe caratterizzare un nuovo standard di riferimento per quanto riguarda l’intrattenimento multimediale mobile. LG Optimus Dual infatti sarà il primo smartphone a consentire riprese video in FullHD (1080p) e fotografie ad 8 MPixel di ottima qualità con obbiettivo molto luminoso (parte da 2.4).
Uscirà inizialmente con Android 2.2 Froyo mentre è garantito un veloce aggiornamento a Gingerbread.
Quadrant segna già un benchmark di 2400 punti (contro i 1800 del Nexus S per fare un paragone con lo smartphone a singolo core più potente sul mercato oggi).
Ricordiamo le caratteristiche del prodotto:

  • processore Dual Core da 1 Ghz (Nvidia Tegra 2)
  • schermo WVGA (800×480) da 4 pollici
  • memoria integrata da 8 Gb (espandibile a 32 Gb tramite micro SD)
  • batteria da 1500 mAh
  • mirroring HDMI
  • riproduzione e registrazione di video h.264 fino a 1080p.

Vediamo anche la prima videoprova italiana a cura di Alessandro di CellulareMagazine:

Grazie alle indiscrezioni ottenute dal gruppo XDA otteniamo nuove inedite foto del nuovo googlefonino Samsung Nexus S.
Arrivano inoltre altre conferme da fonti non ufficiali sull’utilizzo di un processore dual core che potrebbe essere: Dual Core Orion 1GHz (basato su architettura Cortex A9).
Ecco la probabile configurazione: 

  • Dual Core Orion 1 GHz
  • Open GL ES Supported
  • 512 or 328MB Ram
  • 1GB or 2GB Internal Memory (Not 100% known)
  • 800×480 Screen Resolution
  • 4″ Screen Size
  • SuperAmoled2 – Possibly
  • 720P HD Video

Ne abbiamo già più volte parlato, ora sembra praticamente certo che il nuovo Googlefonino sarà il Nexus S prodotto da Samsung. Al recente Web 2.0 Summit Eric Schmidt di Google aveva in mano il prototipo di questo smartphone (opportunamente mascherato per non rivelare il produttore), su di esso gira già Gingerbread, la nuova versione del sistema operativo che sarà ufficializzata nel giro di qualche settimana. Si concretizzano quindi i rumors delle settimane precedenti che già avevano anticipitao che il successore del Samsung Galaxy S poteva essere il prossimo telefono ufficiale della casa di Mountain View. Sembra che il Nexus S fosse già pronto per la produzione ma si sia deciso di rivedere l’aspetto progettuale volendo integrare un chip dual core di nuova generazione (forse Tegra 2 come per LG Star), scelta assolutamente ragionevole visto che il nuovo Nexus S dovrà fronteggiare anno prossimo un’infinità di terminali Android di nuova generazione in fase di lancio da vari produttori sul mercato.
Sul sito di BestBuy qualche giorno fa era addirittura apparsa la possibilità di prenotare il telefono (poi l’inserzione è stata rimossa) ma ne riportiamo la scheda tecnica (approssimativa) del prodotto:

Riportiamo inoltre l’intervista completa ad Eric Shimidt in cui si vede ripetutamente il Nexus S:

Oggi parliamo di un argomento che sta molto a cuore a coloro che utilizzano abitualmente una connessione ad internet attraverso firewall, spesso questi collegamenti impongono delle restrizioni sui siti visitabili. Per aggirare questo problema e poter vedere alcuni contenuti altrimenti non accedibili possiamo realizzare in modo relativamente semplice un tunnel ssh dinamico.
Il prerequisito è avere a disposizione un server ssh da qualche parte nel mondo ed esposto in internet.
Per semplicità immaginiamo di voler superare i vincoli sulla navigazione quando siamo sul pc dell’ufficio, supponiamo inoltre che a casa abbiamo a disposizione una connessione a banda larga flat con un router od un modem adsl (o altra tecnologia).
Ecco i passi da seguire:
a casa:
1) Dobbiamo predisporre sulla rete di casa un server ssh che ci servirà successivamente per fare un “tunnel” di rete. Nel mio caso il router che utilizzo per l’accesso ad internet (fonera 2.0n) dispone anche di un server ssh (nelle impostazioni del firewall va espressamente abilitato per essere acceduto dalla rete pubblica), nel caso il vostro router non lo abbia a bordo oppure nel caso abbiate solo un modem per l’accesso ad internet potete sempre installare un server ssh sul vostro pc di casa windows o linux (quest’ultimo lo ha di default). OpenSSH è disponibile per quasi tutte le piattaforme. Nel caso dell’installazione su Pc chiaramente quest’ultimo dovrà rimanere acceso, con il server ssh attivo e collegato ad internet.
2) E’ necessario consocere l’indirizzo IP pubblico associato al collegamento Internet di casa, se avete un IP statico basta annotarlo se invece (più comunemente) vi viene associato un IP dinamico lo dovete memorizzare di volta in volta oppure sfruttare un servizio di DNS dinamico, il più famoso è DynDNS.
in ufficio:
3) scaricatevi Putty, client telnet/ssh gratuito
4) lanciatelo ed inserite nella sezione Session l’indirizzo IP (oppure l’hostname) del server ssh di casa, la porta 22 è quella di default, lasciatela invariata.

5) Passare alla sezione Connection/SSH ed aggiungete una porta a vostra scelta su “Source Port”, nell’esempio ho impostato la 9990 (chiramente dev’essere una porta non utilizzata da altri servizi, controllate con netstat). Lasciate vuoto il campo “Destination” e spuntate “Dynamic”.

6) Ora avviate la sessione ssh cliccando sul pulsante “Open”, si avvierà un terminale in cui verrà richiesta l’autenticazione: nome utente e password per accedere al server ssh. Nel mio caso, sfruttando il router di casa ho passato le credenziali di amministratore del router (“root” come username e la pwd di admin impostata sul router). Una volta connessi possiamo ridurre ad icona putty, che non ci servirà più ma deve rimanere sempre attivo perchè ha stabilito il tunnel.
7) Ora configuriamo il browser internet per Navigare attraverso questo tunnel ssh che abbiamo appena creato. Si sfrutta il fatto che questo tunnel ssh con il forward dinamico delle porte si comporta di fatto come un proxy server di tipo Socks 5, quindi basta impostare sulle opzioni di rete del proprio browser, nella sezione proxy – Socks Host, l’indirizzo del pc locale su cui è in esecuzione putty (127.0.0.1) e la porta che abbiamo scelto di attivare (nel nostro caso la 9990). Ecco su Firefox le impostazioni da applicare (su Options/Advanced/Connection Settings):

Tutto funziona a meraviglia! La navigazione ora non ha più vincoli perchè sfrutta l’accesso alla rete di casa dove si presume non ci siano restrizioni.

Stamattina il mio Galaxy S ha aggiornato automaticamente il plugin flashplayer (la versione è  la 10.1.105.6), dai primi test che sto facendo in questi minuti sembra magicamente risolto il problema della “lentezza” che dimostrava il browser quando nelle impostazioni abilitavamo il plugin. Anche pagine particolarmente complesse ora si dimostrano fruibili con una certa velocità anche con animazioni flash attive. Il plugin dovrebbe essere compatibile anche con il prossimo sistema Gingebread Android 2.3.
Provate ad effettuare l’aggiornamento dal Market (se ciò non è avvenuto in automatico) e riportate i vostri commenti.

vi segnalo questo sito: Edicola Virtuale che mette a disposizione quotidianamente le versioni pdf o html di tutte le maggiori testate giornalistiche italiane.
Possiamo scaricare gratuitamente ogni mattina la versione elettronica di quotidiani come La Repubblica, Il Corriere, il Giornale, La Stampa, Libero, la Gazzetta dello Sport, ecc. non mancano inoltre settimanali, guide ecc.
Considerando che con gli attuali smartphone si riescono a leggere comodamente anche queste versioni integrali dei giornali disponibili in edicola si intuisce quanto interessante possa essere questa fonte di informazione.
Dategli un’occhiata e donate qualcosa se utilizzate questo servizio.

Negli ultimi tempi, per gli amanti dello shopping online come il sottoscritto, stanno nascendo dei portali che offrono il cash back ovvero la possibilità di avere indietro una piccola percentuale dei soldi pagati per i propri acquisti. Ad esempio Buyon una volta raggiunta la cifra di 50 euro dispone il pagamento all’utente del premio raggiunto. E’ possibile maturare denaro anche presentando il servizio ad amici e conoscenti che si registrino col vostro invito ed effettuino degli acquisti con lo stesso metodo. Per chi acquista con frequenza online questa potrebbe essere una buona possibilità di risparmiare qualche soldo. da provare!

Mi permetto di segnalare
un articolo pubblicato da Tecnophone
in cui viene fatta una chiara sintesi delle tariffe offerte dai gestori di telefonia mobile per quanto riguarda l’accesso ad internet in mobilità. Riporto qui sotto per comodità la tabella comparativa realizzata da Diego:

Ho scoperto per caso questo servizio online: vcast che consente di "vidoregistrare" le trasmissioni TV di quelle emittenti che dispongono di una fonte di streaming. Una volta che ci si è registrati è possibile programmare come su un videoregistratore la registrazione degli eventi di proprio interesse. E’ possibile scegliere il formato del file video che verrà prodotto in base al tipo di dispositivo sul quale vogliamo poi vedere la registrazione (divx, ipod, psp, apple tv, ecc.). Tra l’altro è molto comoda la possibilità di accedere alle programmazioni già fatte da altri utenti (ad es. se vogliamo registrare un evento molto gettonato abbiamo già il link diretto). I canali disponibili sono molti, fra i più popolari ra1,rai2,rai3,la7,all music, mtv, ecc.


Mi segnalano i creatori del servizio
Wuala
di cui
avevamo già parlato qui
che la fase alpha si è chiusa e da oggi sarà possibile per tutti registrarsi alla prima versione beta del prodotto. Ricordiamo che Wuala è un sistema di archiviazione e condivisione sicura di file sulla rete. Wuala è un’applicazione che viene avviata direttamente dal sito web, non richiede installazioni locali sul proprio pc. I dati condivisi dagli utenti vengono spezzettati e criptati, vengono poi memorizzati nei server di Wuala e nella rete p2p degli utenti che lo utilizzano.

Vi segnalo questo stupendo plugin per Firefox: si chiama FireNES ed aggiunge al browser un emulatore per la console Nintendo NES. Apparirà una sidebar su firefox con oltre 2500 titoli di videogiochi caricabili al volo per essere giocati sull’emulatore, quest’ultimo si apre su una finestra indipendente (necessita di una recente versione del JRE di Sun). Provatelo è divertentissimo.